Torna alla lista


Viso

Guida al fondotinta: come scegliere il colore migliore

La scelta della tonalità del fondotinta è di quelle che destano sempre più dubbi perché non si sa mai qual è quella giusta, al di là della marca e del prezzo o della texture. Che sia liquido o compatto, però, ci sono alcune regole che possono facilitare l’individuazione del miglior fondotinta per la propria pelle.

COME INDIVIDUARE TONO E SOTTOTONO

Base trucco liquida coprente o in polvere? Nella scelta innanzitutto occorre tenere conto di due fattori fondamentali: il colore della propria carnagione e il suo sottotono. E partire da una base: la scelta del miglior fondotinta a monte riguarda la texture e la tipologia più adatta alla propria pelle, grassa, mista o secca. Infine, meglio attenersi a tonalità tono su tono o, al limite, di un tono più chiare. La difficoltà sta proprio nell’individuare la nuance più adeguata della base make up: ecco alcuni consigli in proposito Innanzitutto, il fondotinta va provato e sulla parte interna del polso, dove le vene sono più visibili e dove si può capire meglio qual è il sottotono, ovvero il colore dominante della carnagione. Se le vene appaiono bluastre, tendenti al chiaro o al verde, il sottotono si definisce freddo, se invece le vene sono blu-verde, allora il sottotono è caldo. Nel primo caso la pelle è chiara e il fondotinta deve dare luminosità, mentre nel secondo la carnagione è olivastra. Esiste però anche un sottotono neutro ed è quello di chi ha vene blu chiaro e con tono di carnagione medio-chiare.

COME SCEGLIERE LA TONALITÀ PIÙ GIUSTA

Una volta stabilito il tono e sottotono della carnagione e ancor prima la sua tipologia, si può definire la nuance giusta. Per il sottotono freddo il colore di fondotinta migliore tende al rosato, per quello caldo invece la nuance dorata è la più giusta; il fondotinta buono per chi ha la pelle scura ha addirittura una tonalità aranciata. Infine, per il sottotono neutro bisogna scegliere il beige. Un altro modo per individuare il fondotinta da comprare è provarlo non all’interno del polso ma sulla mandibola, ovvero lungo l’attaccatura tra viso e collo. Infine, la luce deve essere il più possibile naturale: evitate quelle artificiali e se siete in un negozio uscite all’aperto, ovviamente se di giorno.

Commenti